Pagina initiale Sommario

P. Svarogich

Principia di astrologia polizodiacale

8. Conclusione
Formuliamo brevemente ed in un luogo i scopi, conclusioni principali e risultati del lavoro presentato:

1. Lo scopo principale del lavoro presente è una formulazione degli algoritmi calcolatori dell’astrologia previsionale in concordanza con la descrizione moderna fisica e matematica di spazio e tempo. Come base sono state usate le nozioni della geometrodinamica, estesamente nota sotto il nome di teoria della relatività generale. Il nome di geometrodinamica, usato da maggior parte da specialisti, riflette la natura di questa teoria, la quale è più probabile la matematica di spazio e tempo. Se separiamo la concezione della geometrodinamica dall'equazioni di Einstein, la geometrodinamica sarà più matematica, che fisica. Possiamo incontrarci con i fenomeni, i quali la geometrodinamica non descrive, però è necessario descrivere questi fenomeni nella lingua della geometrodinamica. In questo senso la geometrodinamica, come la matematica intera, non è una teoria, ma una lingua, nella quale i sistemi esatti delle nozioni esistenti nella natura devono essere descritti.

2. Secondo l'autore, lo scopo formulato è eseguito. Sebbene a scopo di questo divenga realizzabile, dobbiamo abbandonare la filosofia dell'azione a distanza corta, la quale, come si considera, è una base del quadro moderno naturale-scientifico dell'Universo. Comunque la possibilità dell'existenza nella natura dei fenomeni dell'azione a distanza lunga non discorda coi concetti di base di questo quadro. Per evitare contraddizioni, è sufficiente abbandonare il tentativo considerare uno dell'interazioni a distanza corta come una base dei leggi astrologiche. Una delle nozioni principali, da mezzi di quale riusciamo a realizzare il programma dichiarato, è la simultaneità. In fatto continuamente abbiamo preso l'opportunità costruire sezioni puramente spaziali tridimensionali dello spazio-tempo quattrodimensionale. Comunque è noto bene che sia possibile formulare la geometrodinamica classica nella lingua invariante quattrodimensionale. Questo può testimoniare in favore di che la base fisica di astrologia, ancora ignota oggi, non sia classica.

3. Il bisogno della descrizione unita di tali due fenomeni esteriormente diversi come lo Zodiaco ed il sistema delle case richiede la possibilità sceglere naturalmente le sezioni puramente spaziali dello spazio-tempo quattrodimensionale. La possibilità di tale descrizione è basata anche sulla necessità considerare il Sole come un corpo, che genera lo Zodiaco, siccome la struttura di zodiaco, quando usa nel primo luogo il principio di località, è definito dalla dinamica mutua di nato e del Sole. Sotto l'uso di questo approccio il sistema delle case risultà di essere una proiezione di altro zodiaco generato dalla Terra, sullo Zodiaco solare. La descrizione unita dei punti di equinozio, dei nodi lunari e planetari locali può aggrandire valore di posizioni di nodi nella tecnica di interpretazione.

4. In parte tradizionale delle nozioni astrologiche le deviazioni nei risultati di calcoli secondo algoritmi nuovi delle posizioni di pianeti nello zodiaco solare e terrestre dai valori tradizionali sono meno delle orbite usati dalla maggioranza di astrologi nei calcoli previsionali. In questo punto il concetto proposto e i metodi dei calcoli non discordano con le tecniche tradizionali astrologiche di calcoli e di interpretazione, i quali ci pervennero da Moyen Age. Ciononostante abbiamo proposto la tecnica di aspetti esatti, con quale l'accuratezza dei calcoli previsionali astrologici aumenta da 2 ordini. Questo tecnica traduca una differenza teoretica tra gli algoritmi proposti e tradizionali nel piano puramente pratico.

5. La tecnica proposta dei calcoli di precisione degli eventi permette raggiungere la resoluzione temporale di 1-2 secondi di tempo transito, mezz'ora di tempo transito nei calcoli secondo il metodo delle progressioni e 3 giorni nei calcoli secondo il metodo delle direzioni. Per raggiungere questa precisione anche la concezione dei tempi simbolici progressi e direzionali è stata cambiata. Le trasformazioni lineari temporali largamente usati nell'astrologia europea medievale, sono stati sostituiti da trasformazioni conformi (non lineari) della linea mondiale (dei eventi) di nato. Queste trasformazioni permettono raggiungere l'accuratezza alta dei calcoli dell'evento, sebbene in cambio richiedono informazioni detagliate sui movimenti di nato, oltre a ciò l'accuratezza necessaria della suo localizzazione spaziale deve essere di centinaia di metri.

6. La concezione unita dell'origine dello Zodiaco come una costruzione dinamica generata dal Sole ci abilita determinare la struttura dello zodiaco lunare e planetario con accuratezza alta. Lo zodiaco lunare, come sembra, è di importanza considerevole non solo nei calcoli previsionali ma per lo sviluppo di simbolismo astrologico. Dissimile gli zodiaci solare e terrestre lo zodiaco lunare non può essere descritto dai mezzi geometrici elementari. In collegamento con questo l’insuccesso di astrologi antichi nella determinazione di zodiaco lunare per calcoli degli eventi ed interpretazione diviene comprensibile.

7. La descrizione unificata dei punti equinoziali, nodi lunari e planetari locali può servire al cambiamento del significato delle posizioni dei nodi nelle tecniche di interpretazione. I nodi lunari locali sono situati vicino ai nodi lunari soliti alla distanza dei 10-20º in gran parte di giorno, ma per 2-3 ore per giorno vanno via dai nodi soliti alla distanza fino a 100º e più. In tali casi è particolarmente facile trovare valore interpretativo dei nodi lunari locali negli oroscopi natali.

8. Nel quadro della nozione dell’origine fondamentale del corpo massico centrale abbiamo proposto usare nei calcoli degli eventi i punti sensibili prima ignoti chiamati come cuspidi delle dimore di un zodiaco di corpo massico celeste, e le loro proiezioni su altri zodiaci (ad eccezione delle cuspidi delle case, delle dimore dello zodiaco terrestre ed delle così chiamate cuspidi delle case uguali solari sull'eclittica).

9. Nei termini della tecnica degli aspetti precisi l'ipotesi del valore interpretativo essenziale della nozione "triade fondamentale" (pianeta-aspetto-cuspide) è dichiarata. Come un elemento della tecnica degli aspetti precisi la tecnica della rettificazione di precisione del momento di nascita senza eventi accurato a 1-2 secondi del tempo transito è stata formulata. Questa tecnica ha mostrato la sua efficienza con il numero considerevole di oroscopi natali.

10. Dapprima siamo stati soddisfatti bene dallo stato del simbolismo astrologico usato per interpretazione, e non abbiamo progettato alcune ricerche in questo campo. Comunque il sistema proposto in questo lavoro dei metodi e delle idee dei calcoli astrologici precisi richiede una revisione essenziale della base concettuale dei calcoli astrologici tradizionali. Pensiamo che questa revisione può avere un impatto significativo sull'evoluzione delle strutture simboliche nell'astrologia moderna.

In conclusione dovremmo notare ancora una caratteristica (e forse, dalla nostra punta di vista, principale) del lavoro presentato. La situazione moderna in astrologia, quando essa è sovraffollata da misticismo e tecniche dubbiose di calcoli, e anche dalla largamente proliferata ciarlataneria "astrologica", è solo capace spaventare la gente con la buona formazione mentale naturale-scientifica ed esperienza delle ricerche nel campo delle scienze naturali. In fatto più esattamente un certo uomo pensa, più grande è la probabilità alla prima conoscenza escludere l'astrologia dal sistema della conoscenza esatta. Speriamo che il lavoro presente allarga la chance di ciascuna tale persona non ripudiare l’astrologia dalla prima vista.

<<< >>>